L'Isola di Veg (25/26/27 Maggio 2018)
Aspetti etici, salutistici e culturali in grado di cambiare il mondo
Area Conferenze
Conferenze e workshop, con biologi, medici, nutrizionisti, ricercatori e addetti ai lavori
Degustazioni Bio
Ristorazione vegana, crudista, alcalina e street food
Area Olistica
Attività olistiche gratuite ed incontri con operatori specializzati nelle diverse discipline
Rispetto per tutti gli Animali
Associazioni Antispeciste e Animaliste
Area Ludica
Progetti ludico-educativi per bambini, laboratori, attività ricreative a contatto con la natura
Showcooking
Laboratori del Gusto - Vegan & Raw Food
Ecologia
Educazione Ambientale, Sostenibilità e rispetto per la Natura...
(0 Voti)

Il Carnismo e la consuetudine di mangiare carne

maialino baubaudi Alessandra Verducci

C’è un paradosso alla base delle nostre abitudini alimentari.
Mentre proviamo sdegno all’idea di mangiare carne di cane, gatto o delfino, nulla ci impedisce di addentare carne di mucca, maiale, pecora o pollo. Perché facciamo questa discriminazione?
Anche la mucca e il maiale sono esseri senzienti, che provano quindi emozioni e sentimenti, proprio come il cane, il gatto e il delfino.
Eppure, la costrizione innaturale della mucca e del maiale negli allevamenti lager e la loro successiva soppressione a fini alimentari non ci turba, non tanto quanto ci sconvolgerebbe stipare migliaia di cani e gatti all’interno di una struttura al solo scopo di macellarli per poi mangiarli.

 

Perché siamo più sensibili, empatici e paladini nei confronti di una determinata specie e ingiustificatamente indifferenti nei confronti di un’altra?
La psicologa americana Melanie Joy risponde sostenendo la teoria del “carnismo”. Con questo termine è definita un’ideologia violenta che giustifica, per consuetudine, l’uccisione di alcuni animali e permette di mangiarne la carne senza troppi rimorsi di coscienza. Il carnismo si fonda sulla “dittatura della consuetudine”, che abitua ad accettare le cose e gli eventi perché “così sono”, punto e basta.
Per questo motivo acconsentiamo all’uccisione di vitelli, maialini e agnelli senza scandalizzarci troppo, quando invece, più naturalmente, proprio perché ‘piccoli’ in evoluzione, dovremmo essere portati a difenderli.
Attraverso il meccanismo della rimozione, sempre per Melanie Joy, neghiamo a noi stessi l’eccidio di miliardi di animali destinati al consumo alimentare. Sarebbe il sistema in cui siamo immersi a promuovere tale meccanismo, offuscando le coscienze fino a persuaderci che mangiare carne, anche più volte durante il giorno, sia salutare, normale e necessario.
L’assunto dell’ideologia carnista difatti, secondo cui la carne sarebbe essenziale, ineliminabile dalla nostra alimentazione e quindi necessaria, è dovuto a un condizionamento sociale, fondato su una consuetudine consolidatasi nel tempo, e cioè: che l’uomo ha la “necessità” di nutrirsi di carne per sopravvivere.
Di fatto, però, non c’è nessuna costrizione fisiologica ad imporre tale necessità.
Questo perché l’uomo non è un carnivoro, bensì un onnivoro, e mangia dunque carne per scelta.
Scelta, forse, troppo spesso motivata dalle abitudini e dalle suggestioni sociali.

Letto 26 volte Ultima modifica il Giovedì, 19 Aprile 2018 14:40
Jones

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nos exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum.

Altro in questa categoria: « Specismo: discriminazione e sfruttamento

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

NOTA! Questo sito utilizza cookies per la profilazione.

Continuando con la navigazione accetti implicitamente il loro uso. Per saperne di piu'

Approvo